28 aprile 2010

INTERVISTA SUL NUOVO ALBUM ETERNAL FLAME

Posted in DO AS INFINITY, Interviste a 09:33 di annadaifan


—Iniziamo con il titolo della canzone, la frase “Eternal Flame” viene fuori anche nell’undicesima traccia, “honoo” (fiamma).

RYO: La prima traccia, “Eternal Flame”, ha un suono molto occidentale, ma abbiamo pensato che gran parte della gente che ascolta la canzone potrebbe capire il significato limitatamente a causa del testo in inglese. Ed ecco il motivo per cui viene fuori “honoo”. Dove “Eternal Flame” è cantata da un punto di vista esterno, “honoo” esprime il nostro punto di vista, cosa Ban-chan ed io sentiamo. Personalmente mi piace davvero “Eternal Flame” come parola chiave, così abbiamo aggiunto quel pezzo per farlo capire più facilmente.

—Tu hai scritto il testo della canzone “honoo”, ed è una ricostruzione diretta di cosa hai provato quando entrambi avete annunciato il ritorno sul palco dell’A-nation, giusto?

RYO: Ho pensato che sarebbe stato giusto esprimermi direttamente. Abbiamo avuto così tanti indimenticabili momenti dalla nostra reunion, ma nessuna canzone ne parlava, così abbiamo pensato di fare una canzone da lasciare in ricordo. In particolare, volevamo fare una canzone che conservasse i sentimenti puri che Ban-chan e io abbiamo provato sul palco.

—Con frasi come, “Questa volta, ti porterò anche alla terra promessa”, si riesce a sentire l’entusiasmo di Ryo-san.

TOMIKO: Sono molto felice che Ryo si senta così coinvolto. Farò del mio meglio in modo da non dover farmi trasportare, ma se arrivasse quel momento, Ryo-kun, sono nelle tue mani. (ride)

—Includendo “honoo”, ci sono 3 canzoni che sono state composte dai vostri fan, ciò rappresenta un altro importante evento dell’album.

TOMIKO: Tutti sono stati così appassionati nello studiare i Do As e creare canzoni per noi, che abbiamo ricevuto quasi un migliaio di proposte.

RYO: Sentiamo che le 3 canzoni che abbiamo scelto questa volta sono stupende. Hanno l’atmosfera dei  Do As, e le melodie erano perfette.  Ne sono rimasto davvero scioccato.

—“Night Game” è stata un’altra di queste canzoni. Anche se il testo è stato scritto da qualcun altro, parla di una storia molto triste che potrebbe essere trasposta in un film.

TOMIKO: Non so se  è un’esperienza vera dell’autore, o è una storia di pura fantasia, ma la storia di un padre e una figlia mi ha coinvolto. Abbiamo già avuto canzoni in cui il soggetto  principale era il rapporto con i genitori, così in questo senso si può dire che è una riflessione del colore dei Do As.

RYO: Già pensavo fosse una buona canzone, perchè aveva una bella melodia scritta da qualcuno che ha studiato lo stile dei Do As, ma unire questo testo ha aumentato la sua originalità.

—E, “kitakaze” è un’altra proposta del pubblico.

TOMIKO: In realtà, quando abbiamo ricevuto il demo, in origine si chiamava “taiyou”(sole), e ci dava l’impressione di essere una canzone calda. Ma quando  abbiamo iniziato a lavorarci, è diventata “kitakaze”(vento del nord) (ride). Penso che chi abbia scritto il testo è stato ispirato dopo aver ascoltato la nostra versione riarrangiata della canzone. La canzone è stata trasformata, o anche rinata.

—Toranando alla canzone “Eternal Flame”, ha davvero uno stile hard rock degli anni ‘70.

TOMIKO: Esattamente. Ed è anche strutturata come un musical suite. Questa è la prima volta che lo facciamo, e il testo è in inglese per la prima volta dopo un bel pò, così non è stato semplice.

—Deve essere stato soddisfacente per te da eseguire,  Ryo-san…

RYO: Hai ragione. Volevo aggiungere una canzone lunga  come questa fin dall’inizio, così ne ho parlato con gli altri. Al basso, abbiamo Seiji Kameda, che ha arrangiato tutte le canzone di questo album, alla batteria, Keisuke Kawamura, alle tastiere, Masato Minakawa, e io stesso alla chitarra. Ho usato la mia Marshall Amp che sempre uso quando suono dal vivo per avere quel suono del passato – quell’atmosfera anni 70, e l’abbiamo registrata  in una volta.

—È certamente qualcosa che mi piacerebbe ascoltare dal vivo!

RYO: Non vedo l’ora di suonarla!

TOMIKO: Supera i 6 minuti.

—Fatene una versione estesa!

RYO: Potrebbe davvero essere grandioso!

TOMIKO: Abbiamo anche provato a  cambiare gli sfondi.

—Ci sono davvero tanti suoni differenti nell’album, dal frizzante pezzo pop “Piece of your Heart”, alla futuristica “Perfect World”, al suono rock britannico in “Feelin’ the Light”. Mentre ognuna di esse ha decisamente il proprio messaggio, tutte trasmettono lo stesso stile dei Do As.

TOMIKO: Sento come se avessimo aperto una nuova porta.

RYO: La voce di Ban-chan è più di una presenza che individualità. A causa di ciò, mi sono reso conto ancora una volta appena abbiamo completato questo progetto che non importa quante canzoni realizziamo, è la voce di Ban-chan che le rende Do As Infinity.

—Ban-chan, vieni fuori con un’immagine per ogni brano, e pensi “canterò questa canzone con questa voce, e in questo stile”?

TOMIKO: Hmm. Mi riunisco con il direttore, e la canto infinite volte. Anche se il direttore mi dice OK, ci sono volte in cui chiedo di cantarla ancora una volta, devo anche scusarmi e chiedere di cantare i pezzi anche il giorno successivo, perché  quando mi riascolto a casa, perso “Argh, aspetta un minuto, questa parte potrebbe essere…”

—È sempre stato così per te?

TOMIKO: Credo di si, sebbene si può dire che  a volte devo rinunciare…

RYO: Penso che la pignoleria che Ban-chan ha verso il canto è molto più forte adesso che in passato. Anche allora, faceva attenzione a cose che noi ignoravamo, e adesso  sfida se stessa con maggiori sfumature.

—Ciò aumenta la voglia di ascoltare questo album. State percependo le aspettative?

TOMIKO: Si. Ne sono davvero consapevole. Abbiamo ricevuto canzoni di differenti gusti  da diversi cantautori e contributi dal pubblico, ma siamo più consapevoli che mai sul “mettere il sigillo Do As su di esse”.

—Questo sarà il vostro 7th album, il primo dopo 4 anni e 7 mesi. Che tipo di significato questo album ha per i Do As?

RYO: Penso segni l’istante in cui ci siamo riuniti e ci siamo resi conto di poter fare un ritorno.

TOMIKO: In qualche modo, penso questo sia il nostro primo album. In ognuno dei brani, c’è un sentimento di passione e live, non solo in una canzone come “Umareyuku monotachi e”, ogni canzone ha la sua vitalità. Questo album segna un nuovo passo in avanti.

RYO: I Do As Infinity stanno per pubblicare un altro album. Ed è davvero magnifico. (ride)

NDT: Ban-chan è il “soprannome” di Tomiko Van, in quanto il suo vero cognome è Ban mentre chan è un suffisso che usano i giapponesi quando si riferiscono ad una persona cara come un amico, un figlio, ecc.
Ringrazio shidosan del daiforum per la traduzione di questa intervista in inglese.

Annunci