15 aprile 2010

MAAYA SAKAMOTO – Everywhere (recensione del 03 aprile 2010)

Posted in Recensioni album a 18:41 di annadaifan


Genere: pop
Tracce: 30
Uscita: 31/03/2010
In occasione del suo 15° anniversario e per festeggiare il suo 30° compleanno la meravigliosa Maaya Sakamoto ha pubblicato un nuovo greatest hits composto da 2 cd intitolato “Everywhere” che raccoglie alcuni suoi singoli, altri brani dei suoi precedenti album ed una nuovissima traccia. Maaya ha iniziato la sua carriera nel 1996, quando ancora adolescente ottenne il suo primo ruolo da doppiatrice per Hitomi Kanzaki, protagonista dell’anime “I Cieli di Escaflowne”, cantando anche la sigla di apertura. Da quel momento in poi, grazie alla collaborazione con la grande compositrice Yoko Kanno, è diventata una delle più apprezzate cantanti j-pop che hanno legato il proprio successo agli anime più belli degli ultimi anni. Ascoltando questo album possiamo infatti notare come la sua voce un pò acerba dei suoi primissimi anni di carriera sia maturata permettendole di diventare una delle più amate interpreti del panorama musicale giapponese. Il primo cd si apre con “I.D.”, contenuta nell’album “Dive” del 1998, brano molto dolce in cui pianoforte e chitarra ben si accompagnano ad una giovane Maaya. Si sale di ritmo con “Mameshiba”, singolo del 2000 che fa parte anche dell’album “Lucy” (2001). Questa canzone vivace e solare è stata usata ending dell’anime “Earth Girl Arjuna”; è sempre stata una delle mie preferite! Con “Birds”, contenuto nel mini-album “Easy Listening” (2001), si passa ad una delle più intense ballate con influenze rock mai realizzate da Maaya; ho sempre amato questo pezzo! La canzone seguente “Uchuu Hikoushi no Uta”, inclusa nell’album “shonen alice” (2003); è uno di quei pezzi in cui potete lasciarvi cullare dalla sua dolcissima melodia. Segue “Yubiwa -23 carat-”, uscito come singolo nel 2000 e usato come theme song del film d’animazione “Escaflowne The Movie”. Non ci sono parole per descrivere la bellezza di questo brano, cantanto da Maaya con forte intesità ed emozione, stupendo! Un coro di voci indiane ci porta al pezzo  “Kiseki no Umi”, singolo del 1998 e usato come opening dell’anime “Record of Lodoss War: Eiyū Kishiden”. Si passa ad atmosfere pop-dance con il brano “Hemisphere” usato come opening dell’anime “RahXephon” e uscito come singolo nel 2002. Si scende decisamente di ritmo con “Koucha”, canzone dalla influenze R&B contenuto nell’album “Lucy” (2001). Segue “Kaze ga Fuku Hi ”, che fa parte dell’album “Grapefruit” (1997), un brano stupendo con una melodia che ti scalda il cuore. Si torna su ritmi vivaci con “Gift”,  singolo del 1997 e usato come ending dell’anime “Clamp School Detectives ”. “Pilot”, b-side del singolo “Hashiru” del 1998, con la sua particolare melodia sembra trasportarci su una spiaggia in piena estate. La traccia successiva è la bellissima “tune the rainbow”, singolo del 2003 e usato come theme song del film d’animazione “RahXephon: Tagen Hensōkyoko”. È una canzone che mi è sempre piaciuta, con cambi di ritmo e di grande atmosfera. Segue “Kazamidori”, canzone contenuta nel più recente album “Kazeyomi” (2009), una ballata impreziosita dal suono dei violini. Poi, abbiamo “Yakusoku wa Iranai”, il suo primissimo singolo pubblicato nel 1996 e usato come opening dell’anime “I Cieli di Escaflowne”. Nonostante la giovanissima età, in questo brano Maaya ci mostra tutto il suo talento, gran bella canzone! Il primo cd si chiude con la solare “Loop~sunset side (new mix)”, in una nuova versione remixata. Questo brano è uscito come singolo nel 2005 e usato come ending dell’anime “Tsubasa: Reservoir Chronicle”.  La prima traccia del secondo cd è la frizzante “Magic Number <123!mix> (new version)”, pezzo remixato con un gran bel ritmo uscito nel 2009 e usato come opening dell’anime “Kobato.”.  Segue “Remedy” che fa parte dell’album “Kazeyomi” (2009) e usato come ending dell’anime “Kurogane no Linebarrels”; è una canzone molto piacevole con una dolce melodia alla chitarra acustica. La traccia successiva “Hikari Are”, contenuta nell’album “shonen alice” (2003), è un brano in cui la melodia va un pò in secondo piano e Maaya dà una grande prova di sé. Si scende di ritmo con “Bokutachi ga Koi o Suru Riyuu” una ballata al pianoforte contenuta nel mini-album “30Minutes Night Flight” (2007). Segue “Daniel”, contenuto nell’album “Single Collection+ Nikopachi” (2003), un pezzo cantato interamente in inglese dalle influenze brit-pop. Si torna al pop-rock con “Yucca”, una canzone inclusa nell’album “Dive” (1998), in cui una voce un pò infantile di Maaya ci rallegra per tutta la durata del pezzo. Poi, abbiamo “blind summer fish” contanuta nel mini-album “Easy Listening” (2001), una canzone tipicamente estiva molto piacevole. Si scende decisamente di ritmo con la famosissima “Gravity”, singolo del 2003 usato come ending dell’anime “Wolf’s Rain”, è una delle ballate in inglese più belle di Maaya, in cui la sua voce e il pianoforte si uniscono per regalarci una grande emozione. Si resta su alti livelli con “NO FEAR / Aisuru Koto”, un’altra stupenda ballata inclusa nell’album “Yūnagi Loop” (2005). Si cambia decisamente stile con “30minutes night flight”, contenuta nell’omonimo mini-album “30minutes night flight” (2007), pezzo tutto da ballare. Segue “Platinum”, uscito come singolo nel 1999 e  usato come opening dell’anime “CardCaptor Sakura”, è una canzone assolutamente adorabile con una composizione orchestrale sublime! Segue “Feel Myself”, che fa parte dell’album “Grapefruit” (1997), è una canzoncina pop molto carina. Si scende nuovamente di ritmo con “Universe” inclusa nel mini-album “30minutes night flight” (2007), superba melodia orchestrale e grande performance di Maaya. La traccia seguente “Poketto wo kara ni shite”, contenuta nell’album “Grapefruit” (1997), è un canzone giocosa e divertente che ha fatto parte della colonna sonora dell’anime “I Cieli di Escaflowne”. A conclusione di questo secondo cd abbiamo il nuovissimo brano “everywhere” che è stato scritto e composto interamente da Maaya; è una canzone molto emozionante di forte impatto.
Ho molto apprezzato la scelta delle canzoni di questa raccolta, il continuo passaggio da brani del passato a quelli più recenti ci permette di apprezzare meglio l’evoluzione delle doti canore di Maaya.
Maaya è stata la prima cantante j-pop che ho conosciuto, il suo 15° anniversario è un pò anche il mio anniversario con la musica giapponese, in quanto ho iniziato ad appassionarmi alla j-music proprio alla fine degli anni ’90, grazie al proliferare di siti internet dedicati esclusivamente alle colonne sonore degli anime.
Ringrazio Maaya per tutte le splendide canzoni che ha saputo offrirci e per tutte le nuove emozioni che saprà regalarci in futuro!
Tracklist CD 1:
01. I.D.
02. Mameshiba
03. Birds
04. Uchuu Hikoushi no Uta
05. Yubiwa -23 carat-
06. Kiseki no Umi
07. Hemisphere
08. Koucha
09. Kaze ga Fuku Hi
10. Gift
11. Pilot
12. tune the rainbow
13. Kazamidori
14. Yakusoku wa Iranai
15. Loop~sunset side (new mix)
Tracklist CD 2:
01. Magic Number <123!mix> (new version)
02. Remedy
03. Hikari Are
04. Bokutachi ga Koi o Suru Riyuu
05. Daniel
06. Yucca
07. blind summer fish
08. Gravity
09. NO FEAR / Aisuru Koto
10. 30minutes night flight
11. Platinum
12. Feel Myself
13. Universe
14. Poketto wo kara ni shite
15. everywhere
Giudizio finale: 5 su 5

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: